Siglato il “Patto Educativo di Comunità” tra le Istituzioni civili, scolastiche e le Associazioni del Territorio

Venerdì 8 aprile 2022 alle ore 11.00, presso la Sala Consiliare “Aldo Moro” della nostra cittadina, si è proceduto alla ratifica del “Patto Educativo di Comunità” che ha interessato i Dirigenti Scolastici, le Istituzioni locali e regionali, l’A.S.L. Napoli 3 Sud ed il mondo associativo.

La cerimonia di ratifica del Patto, proposto dall’Amministrazione Comunale e coordinato dal Laboratorio Regionale “Città dei Bambini e delle Bambine” ha visto la presenza de:

  • il Sindaco, sig. Giorgio Zinno;
  • la FONDAZIONE IDIS– Città della Scienza, (Istituto per la diffusione e la valorizzazione della cultura scientifica) rappresentata dal Presidente Prof. Riccardo Villari,
  • la BIMED (Biennale delle Arti e delle Scienze del Mediterraneo), rappresentata dal Presidente Dott. Andrea Iovino;
  • l’A.S.L. NAPOLI 3 SUD, rappresentata dal Direttore Generale, Ing. Gennaro Sosto;
  • il Forum delle Associazioni no-profit della Città di San Giorgio a Cremano, rappresentato dal Presidente, Roberto Dentice;
  • l’Associazione Culturale Centro “Antonio Genovesi, rappresentata dal Presidente, prof. Antonio La Pastina,
  • la Fattoria didattica e city Farm “AGRIPARK” costituita dal rappresentante legale Carmela Marano,
  • il Centro Antiviolenza “Maria”  di San Giorgio a Cremano, rappresentato dalla coordinatrice Dott.ssa Manuela Barba e
  • i Dirigenti Scolastici dei seguenti Istituti:
  1. l’Istituto Istruzione Superiore “Rocco Scotellaro”, rappresentato dalla Dirigente, prof.ssa Marina Petrucci;
  2. l’Istituto Tecnico Industriale “Enrico Medi“, rappresentato dalla Dirigente, prof.ssa  Annunziata Muto;
  3. il Liceo Statale “Carlo Urbani” rappresentato dalla Dirigente, prof.ssa Maria Rosaria De Luca;
  4. l’Istituto Comprensivo Statale “Massimo Troisi”, rappresentato dalla Dirigente, prof.ssa Antonietta Maiello;
  5. l’Istituto Comprensivo Statale “2° – Massaia”, rappresentato dal Dirigente, prof. Vincenzo De Rosa;
  6. l’Istituto Comprensivo Statale “Don Milani Dorso”, rappresentato dalla Dirigente, prof.ssa Annunziata Di Rosa;
  7. l’Istituto Comprensivo Statale “4° – Stanziale”, rappresentato dalla Dirigente, prof.ssa  Patrizia Ferrione;
  8. l’Istituto Comprensivo Statale “Eduardo De Filippo” di San Giorgio a Cremano, rappresentato dalla Dirigente, prof.ssa Laura Colantonio;
  9. l’Istituto Paritario “Regina dei Gigli”, rappresentato dalla Superiora Generale, Molto Rev.da Suor Mercedes;
  10. l’Istituto Paritario “Regina Mundi”, rappresentato dalla Dott.ssa Maria Furini;

Il “Patto Educativo di Comunità” è stato ratificato per la realizzazione del piano S. L. O. W.  is  CHI. C. Slow Life Orientering Way  is  CHIldren City (Il modo di orientare la vita lenta è la città dei bambini) del Laboratorio Regionale Città dei bambini e delle bambine ) del Laboratorio Regionale Città dei bambini e delle bambine: un accordo tra il comune, le istituzioni scolastiche, soggetti della comunità scientifica, del terzo settore e del civismo attivo, per rafforzare l’alleanza tra scuola, famiglie e comunità educante.

Le linee guida su cui sono calibrati i progetti e le iniziative del piano sono: la progettazione partecipata; l’educazione alla legalità e alla cittadinanza di genere; l’educazione alla convivenza con il Vesuvio; il gioco e l’educazione che si basano su questi 5 principi: – ACCORDARSI CON I RITMI NATURALI: modificare e migliorare il proprio stile di vita e ripensare i nostri comportamenti di produzione e consumo, seguendo i ritmi della natura. – ADOTTARE UN’ECONOMIA CIRCOLARE: consumare di meno, riciclare e riusare, non più come una scelta ma come un dovere urgente per ogni abitante. – SVILUPPARE CAPACITÀ DI RESILIENZA: Creare un sistema urbano capace di adattarsi ai cambiamenti climatici, sociali, culturali, economici e trasformando le situazioni più difficili in opportunità. – PROMUOVERE GIUSTIZIA SOCIALE. Costruire giorno per giorno percorsi educativi e sociali per la convivenza civile, attraverso la partecipazione con i bambini, per insegnare loro a ricucire i contrasti e sciogliere i pregiudizi. – DARE IMPULSO ALLA SOSTENIBILITÀ URBANA E ALLA CULTURA: educare al rispetto e alla valorizzazione del patrimonio storico artistico locale, anche attraverso nuove alleanze con vari soggetti culturali.

Quindi, un altro importante contributo, per la nostra comunità cittadina ed educante al fine di contribuire ad una visione della vita, serena, precipua e gioiosa.

Buon lavoro a tutti noi !

 

patto firmato II parte

patto firmato I parte

Menu